‘Ceramiche popolari tra passato e futuro’: design e ceramica d’uso, sezione permanente al Mic di Faenza dal 22 maggio

0

di Annalisa Bugliani – ‘Ceramiche popolari, design e rivestimenti, tra passato e futuro’, la nuova sezione permanente del Mic-Museo internazionale delle ceramiche di Faenza aprirà al pubblico il 22 maggio, a cura di Claudia Casali e Valentina Mazzotti.
Saranno esposti oltre duemila oggetti: piatti, anfore, tazze, servizi da te’ e cioccolata, vasi, lucerne, salsiere, set da tavola, rivestimenti per pareti e pavimenti.
Oggetti che attraversano i secoli e accompagnano la vita quotidiana.

L’esposizione è stata costruita secondo un punto di vista inedito che vuole esplorare la storia della ceramica attraverso forme d’uso e stili di vita, mettendo a confronto il design del Novecento di autori molto conosciuti come Gio Ponti, Mendini, Mari, Sottsass con le pentole in terracotta delle cucine e tavole contadine, quando ancora il concetto di design non era nato. La sezione e’ divisa in tre capitoli principali: le ceramiche popolari del XVIII-XX secolo con oggetti utilizzati per il lavoro nei campi, per la cucina, la dispensa e la tavola; i rivestimenti ceramici: il Mic conta infatti oltre 15mila esemplari di piastrelle industriali di particolare significato storico, produttivo, artistico, realizzate nel XX e XXI secolo e, infine, la parte piu’ corposa della sezione, dedicata al XX e XXI secolo, con autori chiave del design e del dialogo tra le arti avvenuto proprio nella contemporaneita’. In mostra opere di maestri come Gio Ponti, Antonia Campi, Enzo Mari, Ettore Sottsass, Alessandro Mendini, Nanni Valentini, Alfonso Leoni, Denis Santachiara, accanto ad opere di autori piu’ contemporanei come Patricia Urquiola, Christina Hamel, Simon Zsolt, Diego Dutto, FormaFantasma, Diego Grandi, Philippe Nigro, Zaven e tanti altri. (FONTE ANSA)

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: