“L’arte di fotografare l’arte”, Aurelio Amendola e i capolavori di Gian Lorenzo Bernini

0

Dopo quella di Michelangelo alle Cappelle Medicee di San Lorenzo a Firenze, l’arte di fotografare l’arte di Aurelio Amendola incontra il massimo esponente europeo dell’arte barocca, Gian Lorenzo Bernini (1598-1680). Lo straordinario architetto, scultore, urbanista, scenografo e commediografo seppe realizzare capolavori assoluti e rappresentare con straordinari artifici prospettici, sia miti pagani che figure della spiritualità cristiana. Ma forse il merito più grande, universalmente riconosciuto al suo Genio, sta proprio nel fatto che seppe esprimere nelle sue opere l’energia del movimento e l’emozione dei sentimenti.

L’incontro tra un maestro della fotografia come Aurelio Amendola, capace di cogliere gli aspetti più veri e reconditi nell’armonica bellezza della scultura figurativa barocca, e l’opera di un artista immortale come Gian Lorenzo Bernini, svolta nella città eterna appena un secolo dopo quella ereditata da Michelangelo Buonarroti e da Raffaello Sanzio, è sicuramente destinata a lasciare una impronta indelebile nel campo della comunicazione dell’immagine dell’arte in una società che oggi appare fin troppo esposta all’evento estemporaneo destinato a non lasciar traccia durevole.

Per dare un’idea di quale effetto esercita la fotografia di Amendola nell’arte di riscoprire, e per certi versi reinterpretare la scultura, basterà limitarsi a rivisitare alcuni fra i tanti capolavori del Bernini per sottolineare in ognuno di essi un elemento espressivo che ogni volta si rivela sotto forme estetiche diverse che parlano di sensualità, di bellezza, di maestosità, di energia e sentimento.

Così è in piazza Navona a Roma per la Fontana dei Quattro Fiumi dove le personificazioni del Nilo, del Danubio, del Rio della Plata e del Gange si fonde, assieme a piante e figure di animali, in una straordinaria e possente armonia di forme in movimento. Nella transverberazione, conosciuta come l’Estasi di Santa Teresa d’Avila, la freccia infuocata scagliata dall’angelo sulla Santa in estasi illumina il modellato pieno di sfumature con una luce caldissima che imprime al corpo una folgorante sensualità. Non da meno sono l’energia e la carica espressiva che Bernini ha reso nei gruppi scultorei di Apollo e Dafne, Enea Anchise e Ascanio e nel Ratto di Proserpina ma anche nel David o in Anima Dannata.
Per saperne di più sull’incontro tra il genio di Bernini e il maestro della fotografia, abbiamo posto alcune domande ad Aurelio Amendola presso il suo studio pistoiese.
Veronica Ferretti

No comments

Il futuro è oggi

di Alfonso M. Iacono* – Il futuro è oggi, non domani. Il futuro sono i ragazzini che giovedì scorso hanno sfilato con il loro vociare ...